“Nowhere, Nobody”: Earl Sweatshirt si mette a nudo

Un video musicale, un documentario, un pezzo di video-art: l’ultima operazione di Earl Sweatshirt è tutto questo insieme.

Il suo ultimo disco, forgiato in tre anni dentro e fuori dalla depressione, è un vero capolavoro. Anticipato da soli due singoli senza video, finalmente ora possiamo esplorare il nuovo immaginario di Earl anche visivamente.

Segnato dalla popolarità che lo ha raggiunto mentre era in un riformatorio Earl Sweatshirt ha un rapporto particolare con la fama e in questo video, così come nel disco, sembra riflettere sulla distanza che separa Earl Sweatshirt da Thebe Kgositsile (il suo nome di battesimo) e in generale sul prezzo della fama, che tra gli altri si è presa anche il suo amico Mac Miller.

“Rinuncia a diventare virale se vuoi promuovere un po’ di umanità. La rapida ascesa è seguita da una violenta picchiata, è tipo una legge della natura. Possiamo condividere arte e celebrarla senza schiumare dalla bocca e consumare sconsideratamente. “

– @earlxsweat on twitter 30.01.19