E ci ha lasciato anche Tame One degli Artifacts

Tame One, membro fondatore degli Artifacts è morto lo scorso 5 novembre all’età di 52 anni.

A dare conferma dell’accaduto diversi artisti tra cui la rapper Rah Digga che tramite post Instagram ha purtroppo confermato anche la morte di Hurricane G.
Stando alle ultime indiscrezioni pare che il rapper sia deceduto a causa di un mix di farmaci e marijuana.

Questo almeno quanto scritto dalla madre dell’artista :

My son, Rahem Brown, Tamer Dizzle, is dead.
The medical examiner says the six pharmaceutical drugs that Trinitas hospital prescribed to him last Friday, combined with the weed he smoked over this weekend…his heart simply gave out.

Gruppo hip hop della East Coast gli Artifacts, originari del New Jersey, erano composti da El Da Sensei, Tame One e Dj Kaos scomparso anch’egli nel 2019. Tra i loro singoli più conosciuti ricordiamo Wrong Side of Da Tracks, presente nell’album debutto Beetween a Rock and a Hard Place, traccia omaggio al mondo dei graffiti a cui i membri del gruppo erano particolarmente legati. Nello stesso disco troviamo anche l’altrettanto storico brano C’mon Wit a Git Down.

Nel 1997 dopo l’uscita del secondo album That’s Them il gruppo si sciolse e sia Tame One che El Da Sensei continuarono a pubblicare musica come solisti. Tame ha collaborato con Cage, Del tha Funkee Homosapien e anche con Redman

Infine nel 2009 il trio si è riunito in occasione dell’anniversario dei Rocksteady Crew. Da allora hanno pubblicato una manciata di brani reunion tra cui Easter prodotto da Khrysis.