Mademoiselle: lo sfogo di Sfera Ebbasta

Nell’ultimo periodo ne abbiamo sentite di ogni sul rap fra Achille Lauro e Sfera Ebbasta, con Striscia La Notizia e i media generalisti che ci hanno ricamato sopra fantasie e teorie assurde.
Dopo un lungo silenzio Sfera ha perso la pazienza e ha rilasciato oggi un singolo dove si toglie un po’ di sassolini dalle scarpe, a ragion dovuta.

Nel nuovo singolo Mademoiselle, Sfera se la prende con chi aveva scaricato addosso a lui le colpe della tragedia di Corinaldo e subito dopo passa a rispondere a Striscia e Anastasio che lo hanno accusato recentemente di spingere i giovani verso l’abuso di sostanze stupefacenti.

La produzione, manco a dirlo, è affidata alle sapienti mani di Charlie Charles che ha fatto un beat latineggiante in linea con la wave che sta cavalcando l’hit maker di Cinisello.
Ma passiamo ad analizzare un po’ più in dettaglio il testo.

Ti do il benvenuto in Italia
Il paese di chi non ci mette mai la faccia

Se tuo figlio spaccia è colpa di Sfera Ebbasta
Non di tutto quello che gli manca

Dopo una critica abbastanza generica Sfera Ebbasta si rivolge ai genitori che si lasciano abbindolare da certi programmi quando dovrebbero pensare a cosa manca ai loro figli, non solo in termini materiali ma soprattuto nella sfera affettiva. Queste barre d’apertura danno una lettura sociale al fenomeno dello spaccio, espressa con la comprensibilità e l’efficacia del linguaggio di Sfera.

Poco dopo torna a prendersela con i media che cercano di aggrapparsi ad ogni parola dei rapper per accusarli, la barra è particolarmente efficace perchè paragona un’intervista a un interrogatorio di polizia.

Qualsiasi cosa dico sarà usata contro di me
All’intervista non rispondo oh, oh, oh

Dopo il ritornello Sfera si rivolge alla madre, probabilmente in pensiero per il carico di odio che il figlio sta ricevendo, dicendole di non preoccuparsi delle lingue avvelenate del web e della televisione. Continua alludendo al fatto che la sua faccia sia in copertina solo per coprire realtà ben più gravi, una sorta di arma di distrazione di massa.

Mamma, non ti preoccupare della censura
Questo sembra scemo, sembra che non arriva all’uva
La mia faccia in copertina solo per copertura

Qualcuno lo ha addirittura additato come l’incarnazione di Satana, nell’assurdità della situazione anche lui prova a buttarla sul ridere.

Un esorcista ha detto che gli faccio paura
Ma qui è la stessa storia da anni
E mi fai quasi pensare io fumo e tu ti sballi

Infine Sfera spiega che non può nemmeno avvalersi della facoltà di non rispondere, perchè giornalisti e popolino se la prendono con lui anche se tace  (proprio come successo nelle ore immediatamente successive alla strage di Corinaldo).

E no, non voglio dire nulla di sbagliato
Ma anche se non dici nulla qua comunque ti sbagli

Sfera Ebbasta con questa canzone ha dato un’ottima risposta a coloro che cercano di fare di lui un facile capro espiatorio per problemi ben più grandi. ll momento di attenzione era massimo e il team di BHMG ha colto l’occasione di fare un’altra hit, rigirandola però contro i suoi detrattori. Speriamo che li metta a tacere per un po’.

Seguici su Facebook ed Instagram