Lo scarabeo ercole – Editoriale

Quest’estate ci siamo chiusi in una crisalide per un po’, in attesa di una ambita metamorfosi. In quelle settimane ci siamo accorti di cosa siamo riusciti a costruire in una manciata di mesi e di quanto c’è ancora da fare nei prossimi.

Sarebbe stato bello essere farfalle, per schiudersi dopo una breve stagione e spiccare un maestoso volo, invece no, da quella crisalide è uscita solo una larva più grossa.

Ma quanto può durare una farfalla?
In fondo sapevamo dal principio che questa impresa non sarebbe stata una svolazzata su un campo fiorito, avevamo già in programma di sguazzare nel fango del sottosuolo dal principio.

Non c’è bisogno di scoraggiarsi comunque, ci sono insetti come lo Scarabeo Ercole la cui fase larvale può durare anche due anni.

Non avere un carapace però ha anche i suoi vantaggi: ti permette di essere fluido e fare sia un approfondimento su Banksy che un articolo di gossip su Salmo ; ti permette di intrufolarti dove non potresti, arrivando ad una foto di Salmo alla quale nemmeno i pezzi grossi del settore erano arrivati.
Cosa distingue una larva da un verme? Beh un verme quella foto l’avrebbe venduta, l’avrebbe pubblicata ovunque, invece noi l’abbiamo oscurata su richiesta della produzione video impedendo alle testate di gossip di utilizzarla.

E non è che siamo degli eroi per questo, anzi ne abbiamo approfittato esattamente come una pagina di gossip avrebbe fatto, perchè l’esperienza ci insegna che un articolo su un indigestione di Cheetos fa più click di una recensione o di un’analisi dei testi di Mac Miller (nemmeno sui morti si riesce più a speculare).

La qualità non fa il successo, ce lo insegna il nostro servizio sui fan di Sfera Ebbasta, decollato fino a raggiungere quasi mezzo milione di persone, contro le tante interviste ad artisti (anche affermati e longevi) che non hanno superato il migliaio.

Allora come si fa? Si cede qualità per quantità? Si continua a parlare a una nicchia o si punta alle masse?

Basta imparare la lezione dello Scarabeo Ercole, che in anni di trasformazioni indurisce il proprio corno fino ad essere è in grado di spostare pesi fino a cento volte superiori al proprio.

Cercheremo di darvi sia articoli e video di spessore che contenuti più leggeri, sia notizie lampo che lunghi approfondimenti, sia grandi artisti mainstream che piccoli artisti underground. La nostra forma finale sarà definita durante il percorso, le metamorfosi da attraversare sono ancora tante, ma quando avremo un carapace  ed un corno potremo davvero spostare qualcosa.

Fare tutto questo non è per niente facile, 6 categorie sono tante e le news non si fermano mai, per questo stiamo cercando nuovi collaboratori, sia occasionali che da integrare nella redazione, per rendere più organico ed efficente il nostro team. Se ti va di sostenerci e contribuire al progetto scrivi a contatti.bugzine@gmail.com