Live Report: i First Brawl presentano il nuovo EP insieme a tanti amici

Eccoci al primo Live Report di BUGzine, per questo episodio stiamo nel nostro ambiente di nascita, l’underground.

Il 31 marzo io e Bonfi ci dirigiamo verso Modena per andare al release party del nuovo EP dei nostri amici First Brawl, la band emiliana aveva rilasciato su digitale la nuova fatica il giorno prima e io me l’ero già sparato tutto d’un fiato per una giornata intera. La fotta era alta, sia per la sicurezza della qualità del lavoro sia per il concerto che ci avrebbe aspettato.

Arriviamo al locale, La Tenda Live, dove non eravamo mai stati e devo dire di essere rimasto piacevolmente sorpreso, grande, ottima acustica e prezzi del bar per esseri umani, forse più che per esseri umani per punk squattrinati quali siamo.
Ampio spazio è dato a distro e merch unico polmone di respiro per una scena che purtroppo preferisce sempre andare sentire il nome grosso invece che supportare le piccole realtà del territorio, ma questo è un altro discorso che affronteremo in un’altra sede.

Siamo arrivati in ritardo, colpa mia come al solito, eterno ritardatario, e quindi ci siamo persi purtroppo sia l’intero set dei The Vasto sia metà di quello dei Fingers To The Bone,  il concerto è iniziato presto e in orario e queste sono parole che non conosco. La situazione era delirante, due palchi, il cambio band era fulmineo, neanche il tempo di prendere fiato che iniziava il gruppo successivo.

È il turno dei Last Breath Of Life, salgono sul palco carichissimi, veloci e pesanti nelle sonorità che arrivano a sfiorare influenze metal, il tempo vola, la situazione è delle migliori, sembra di stare in famiglia con tutti gli amici di sempre dei concerti. Finiscono loro e nella saletta nera stanno già accordando gli strumenti gli amici dei The Vega Brothers, dalla Castel Fidardo Hardcore Crew: Angelo è in formissima, merito probabilmente della sessione di Varnelli iniziata nel primo pomeriggio; show da paura, non sbagliano un colpo, nemmeno le canzoni nuovissime provate poche volte.

Si vola sul palco grande dove i Damn City portano alto il nome della Bologna Hardcore e della Nuke Crew, Alex e Mattia ci presentano i nuovi componenti della band, carichi per le prossime date che li vedranno in giro per l’Europa e per il mondo, show perfetto come sempre, delle bestie da palco. Menzione speciale alla cover della sigla di Willy Il Principe di Bel Air, devastante.

Arriviamo agli ospiti d’onore della serata: i First Brawl, la band modenese ci presenta Turning Point, freschissimo e velocissimo EP che contiene 6 tracce per un totale di 11 minuti. Suonato tutto d’un fiato sul palco della Tenda, aprendo con un tributo al film cult “I Guerrieri della Notte”, con un ritmo indiavolato, degno della carica che trasmettono.

Le danze si concludono allo scoccare della mezzanotte, altre due chiacchiere con gli amici e si torna a casa, contenti dello show, di aver rivisto tanti amici e di aver supportato questa scena che, a discapito di ciò che si dice, è più viva che mai.

Foto di T-Chrome Photos