“Dovremmo avere tutti lo stesso obbiettivo: portare in giro colore.” – Intervista a Sabe

Abbiamo intervistato il writer brianzolo in occasione della mostra organizzata con il Graffiti Bench Shop per questo 28 Marzo (info qui). Ci ha parlato dell’evoluzione del suo stile e del suo modo di intendere questa cultura.

  • Qual è stato il tuo primissimo approccio ai graffiti?

Fin da piccolo mi ha sempre affascinato il colore, osservavo molto i treni delle ferrovie Nord. Andando avanti con gli anni mi sono ritrovato in quel mondo. Nel 2006 uscivo già quasi tutte le sere alla ricerca di qualcosa da colorare, mi piaceva l’idea che il treno si spostasse portando in giro il mio nome e le mie forme. Da quell’anno non mi sono mai più fermato e ad oggi coloro qualsiasi cosa mi trovo davanti.


Anteprima delle opere esposte
  •  Quali sono state le tue fonti di ispirazione per arrivare ad evolvere uno stile cosi complesso e particolare?

A dirti la verità ho sempre evitato di prendere spunto dagli altri writers, volendomi distinguere da sempre dalla concezione standard del graffito, perché il mio stile fa quello che vuole. La mia vera ispirazione arriva dall’ uscire tutte le notti, sperimentando nuovi stili e tecniche.

Pensa te che un giorno sbagliando a fare una “E” ho scoperto uno stick che tutt’ora molte volte utilizzo. Sono molto attratto dalle forme geometriche, che sono diventate la base solida del mio stile. La caratteristica fondamentale é la lettera spaccata cioè non chiusa dall’outline, con un arricchimento di linee e forme posizionate nello spazio.

Non so neanche io cosa faccio ma è lo stile in evoluzione a dirmi cosa dovrò fare.

  • Cemento o metallo?

Foglio! Per costruire e sperimentare il proprio stile da riportare sul cemento per far sì che sia unico sul metallo!

  • Quali sono i writer che preferisci nella scena italiana attuale?

Preferisco un writer che abbia come obbiettivo lo stile, il differenziarsi dagli altri, l’essere una persona umile, simpatica e buona umanamente, perché dovremmo avere tutti lo stesso obbiettivo: portare in giro colore! CIAOSYRIO♥ WH386

  • Ti va di raccontarci un aneddoto particolarmente interessante o divertente legato al mondo dei graffiti?

Partimmo in trasferta con l’intenzione di visitare una città d’arte io Fiato e Syrio. Eravamo in giro a piedi con in tasca solo 15 euro in moneta e nel vagare per la città alla ricerca di qualcosa trovai una catenella che poi risultò d’oro, Fiato poco più avanti trovò 50 euro e ci accorsimo in pochi minuti di essere diventati ricchi: corremmo subito nello shop di spray e da quando uscimmo dal negozio iniziò la nostra vacanza d’arte. 😂