DMX è uscito di galera, un’altra volta

DMX è stato uno dei rapper più controversi della sua epoca, si potrebbe quasi dire il 6ix9ine della golden-age se non fosse che era pelato e molto meno giocoso del suo erede arcobaleno.

Il rapper newyorkese oggi è stato rilasciato dopo un anno di reclusione per evasione federale ed ha già annunciato nuova musica ed un film autobiografico, non è la prima volta però che “Dark Man X” fa dentro e fuori dal carcere, vi lasciamo un estratto della sua bio da wikipedia giusto per farvi un’idea.

“Un’infanzia difficile lo plasma come un ragazzo impulsivo e manesco, che sopravvive rubando e tra mille difficoltà con la legge.  […]
Nel 1994 DMX pubblicò il singolo Make a Move. Lo stesso anno viene arrestato per problemi di droga. […]
Poco tempo dopo DMX venne accusato di aver stuprato una strip-dancer nel Bronx, ma il test del DNA lo proscioglie. […]
Prima della fine del 1998 termina il suo secondo album, Flesh of My Flesh, Blood of My Blood che entrò al primo posto delle classifiche e diventa triplo disco di platino, in copertina c’è una controversa immagine che immortala DMX grondante di sangue. […]
L’anno seguente segue Jay-Z, Method Man e Redman partecipando all’Hard Knock Life Tour; durante lo svolgimento lo zio e manager di DMX viene accidentalmente colpito con un colpo di pistola al piede in un hotel del New Jersey. La polizia, perquisendo la casa del rapper, riporta la presenza di animali maltrattati, di armi e di droga. Le denunce vanno a carico di DMX e della moglie. […]
Con il film Romeo deve morire, dove recita al fianco di Aaliyah, DMX ritorna come attore. Nel frattempo subisce un processo per possesso di droga e armi. Contemporaneamente a Cheetktowaga vicino Buffalo, conduce una battaglia legale con la polizia: a marzo era stato arrestato per guida senza patente e possesso di marijuana. Non si presenta al processo, e tempo dopo la polizia scopre altra erba, questa volta nascosta in un suo pacchetto di sigarette. Viene dichiarato colpevole, con pena di 15 giorni di prigione, che si protraggono per alcune settimane. La detenzione aumenta ulteriormente quando egli, dopo aver saputo che non avrebbe goduto di diminuzioni di tempo per buona condotta, lancia pezzi di cibo verso delle guardie carcerarie. In seguito la scadenza della liberazione viene ridotta: viene pagata la cauzione e accusa alcune guardie di averlo maltrattato e di avergli causato un infortunio alla gamba. […]
A luglio del 2004 DMX viene denunciato per possesso di cocaina e tentato furto di automobile.

-fonte Wikipedia

Il suo curriculum criminale non si ferma certo al 2004: nel 2010 esce dal carcere dopo aver scontato diverse pene ma dopo qualche anno di tregua rieccolo condannato per evasione fiscale nel 2017, uno sgarro che gli costerà quasi un anno di sbarre. Ora è pulito e a quanto dicono i suoi legali non vede l’ora di tornare a casa, ci chiediamo quanto ci resterà a questo punto.

Il cane più rabbioso dell’hiphop avrà davvero messo la testa a posto?