Come Banksy ha distrutto una sua opera all’asta (VIDEO)

L’enigmatico e sfuggente Banksy colpisce ancora e fa centro come sempre. Ieri una delle sue opere si è autodistrutta mentre veniva battuta all’asta al Sotheby’s per oltre un milione di euro.

Il quadro raffiguarva l’iconica bambina col palloncino, dipinta da Banksy a Londra nel 2002 e divenuta une delle immagini più popolari dell’artista. Grazie a un meccanismo installato nel quadro la tela si è distrutta quasi del tutto, scivolando fuori dalla cornice tra le lame del tritacarte, sotto gli occhi increduli dei collezionisti presenti in sala.

Tutto calcolato e rivendicato con questo video da Banksy, che si è limitato a citare una nota frase di Pablo Picasso: «Ogni desiderio di distruzione è anche un desiderio di creazione».

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Banksy (@banksy) in data:

I venditori stanno discutendo in queste ore se la vendita vada annullata, come si procede abitualmente quando un’opera subisce danneggiamenti dentro la casa d’asta, o se vada invece considerata valida, con un aumento del valore dell’opera grazie a questo aspetto “performativo”.

Quella che era una delle immagini più inflazionate di Banksy è diventata un’opera dal valore inestimabile, per la gioia dei collezionisti che l’avevano comprata. Questo non toglie però l’incredibile abilità di questo artista nel creare contraddizioni e generare dibattito all’interno del mondo dell’arte.

Ancora una volta: missione compiuta, Banksy.