Caso 6ix9ine: emerge un video del rapimento

Ieri si è svolta un’udienza fondamentale nel caso Daniel hernandez, alias Tekashi 6ix9ine, che si è trovato a testimoniare sul suo coinvolgimento nell’attività criminale della Nine Trey Gangsta Bloods, un’organizzazione criminale attiva a New York.

Davanti ad accuse di associazione a delinquere e porto d’armi abusivo per cui rischiava 47 anni di carcere Hernandez ha scelto di collaborare con la giustizia, pur tradendo la gang a cui deve la sua carriera e che, stando alle sue dichiarazioni di ieri “gli ha dato credibilità e protezione”.

Al di là dei concetti di “infamia” e “street-credibility”, che vanno discussi in un’altra sede, c’è da dire che 6ix9ine si è trovato in situazioni parecchio spiacevoli per via della sua affiliazione criminale, una di queste sicuramente è il rapimento (a fini di estorsione) che ha subito a Giugno 2018.

Durante la seduta di ieri sono emerse alcune immagini dell’episodio, alle quali Hernandez ha aggiunto che, in un momento successivo, avrebbe offerto 100,000 dollari ai suoi rapitori per lasciarlo in vita.