“Slim Shady” è stato utilizzato dalla CIA come tortura

La faccenda può far sorridere, ma non è una burla: in una inquietante lista di torture rilasciata dall’intelligence americana spunta anche il nome di Eminem e del suo disco Slim Shady.

Dai meandri dell’internet è recentemente ricomparso un articolo, risalente al 2005, in cui la CIA ha rivelato alcune metodologie utilizzate durante gli interrogatori. Benchè comprendano pesanti violenze fisiche le tecniche che vengono usate sono tutte approvate, ma alcune appaiono più sadiche e sofisticate rispetto ad altre. Tra le varie, è sicuramente curioso che i detenuti vengano obbligati ad ascoltare l’album “Slim Shady” di Eminem a ripetizione.

Questo non vuol dire che lo storico disco di Eminem sia così inascoltabile, tale fatto è giustificato poichè l’ascoltare musica in un contesto simile è vissuto in modo straniante e ciò rende i prigionieri frenetici. Se consideriamo infatti che l’intensità del suono ha conseguenze più o meno energizzanti è facile immaginare lo scopo per il quale venga effettuato questo trattamento.Casi simili sono stati riportati anche a Guantanamo, dove ai carcerati venivano somministrati dischi metal ad altissimo volume per ore ed ore.

Questa vicenda potrà strapparci anche un sorriso amaro, ma ci ricorda quanto subdolo e brutale possa essere il potere quando si impone: “Non ti permettono di riposare nè di giorno nè di notte. Alzati, siediti, alzati, siediti. Non dormire. Non sdraiarti sul pavimento” sono le parole rilasciate da un prigioniero.

Seguici su Facebook ed Instagram.